Archivi categoria: cataloghi

Rosanna Forino: Arcadia Geometrica -libro sul lavoro dell’artista

E’ stato edito dalla Galleria Scoglio di Quarto un libro che riassume tutto il lavoro dell’artista Rosanna Forino con testi critici, opere e contributi di vari personaggi dell’arte e della cultura milanese: Arcadia Geometrica a cura di Gabriella Brembati e Luca Pietro Nicoletti.

L’artista Rosanna Forino, oggi novantenne, è stata una delle prime donne, negli anni 70′ a lavorare con la galleria Zita Vismara proponendo un linguaggio espressivo informale di grande impatto visivo ed emozionale.

Essere artista e donna in quegli anni non era facile e Rosanna ha vinto una battaglia personale di volontà nel ritagliarsi uno spazio di lavoro e di costruzione della sua identità artistica. Il suo lavoro costante e la sua ricerca sempre aperta alla sperimentazione di nuovi materiali e potenzialità espressive ha fatto sì che fosse la prima artista italiana ad essere invitata a Mosca dopo la caduta del muro di Berlino. Invitata da Gorbaciova per una mostra personale ha raccontato, oltre la cortina di ferro, una storia di arte, liberazione e rivoluzione in cui le donne sono protagoniste.

I suoi ultimi lavori sono capolavori di sintesi geometrica, linguaggi musicali e cromatici che trovano costruzione in spazi del pensiero.

Rosanna Forino nasce come artista figurativa già negli anni 50 e lentamente cambia attraversando un lento percorso di abbandono e liberazione della forma e della sua struttura legata alla rappresentazione del reale per giungere alla rappresentazione di un paesaggio interiore che tradisce la sua visione sempre fresca della vita.

Donna attiva e aperta anche al linguaggio giovanile mostra nel suo lavoro artistico una straordinaria capacità di equilibrare strutture rigide a forme fluide e di movimento in una ricerca di equilibrio tra contrasti di forma e colore.

Un linguaggio pittorico distintivo e forte la avvicina ai maestri dell’arte informale con una sensibilità cromatica che tradisce la sua femminilità felice e la sua tempra.

Melina Scalise